Vai direttamente al contenuto saltando i menu di navigazione

Menu di navigazione 1

Percorso corrente nel sito

Home >

Menu di navigazione 2

Menu di navigazione 3

Mission


Imbocco lato Italia Imbocco lato Italia

Il valico del Colle di Tenda consente l’unione tra la pianura padana (provincie di Cuneo e Torino), la costa Azzurra e la costa ligure, attraverso le propaggini occidentali delle Alpi Marittime lungo la valle Vermenagna (in Italia) e la valle della Roya (in Francia). Già dai tempi dei Romani il Colle di Tenda ha rappresentato un passaggio fondamentale. All'epoca della sua inaugurazione, nel 1882, con i suoi 3.182 metri era il tunnel stradale più lungo mai costruito.

Al fine di adeguare il valico alle attuali esigenze di circolazione e di incrementare le condizioni di sicurezza, la CIG (Commissione Intergovernativa tra l’Italia e la Francia per il miglioramento della circolazione nelle Alpi del Sud) ha previsto la realizzazione di un nuovo Tunnel e l’allargamento di quello esistente, oltre all’adeguamento della viabilità di accesso sul versante francese con l’eliminazione di due dei quattro tornanti attualmente presenti.

I benefici legati alla realizzazione del nuovo tunnel a doppio fornice e delle opere accessorie, comprensive della costruzione dell’opera di presa della sorgente San Macario, sono numerosi. Vanno segnalati:

Imbocco lato Francia Imbocco lato Francia
  • a. L’incremento delle condizioni di sicurezza della viabilità in generale. Infatti, oltre ai lavori di adeguamento della viabilità di accesso sul versante francese e all'eliminazione di due dei quattro tornanti attualmente presenti, saranno effettuati anche interventi di miglioramento delle condizioni di alcune strade locali del comune di Limone Piemonte.
  • b. La diminuzione dei tempi di percorrenza, grazie al miglioramento dei collegamenti tra la pianura padana (provincie di Cuneo e Torino), la Costa Azzurra e la costa ligure attraverso le propaggini occidentali delle Alpi Marittime lungo la valle Vermenagna (in Italia) e la valle della Roya (in Francia) e all’abrogazione, a seguito della realizzazione della una nuova canna e dell'allargamento del traforo esistente, del senso unico alternato attualmente in vigore ai fini della sicurezza.